Traslocando

Una volta la Bertè cantava Traslocando

Lucy ‘la fredda’ stava zitta
Seduta sulle scale
E i ragazzi del trasloco per fare in fretta
La trattavano male
‘E di nuovo cambio casa’ cantava dalla radio
La voce di un amico mio
Oh, come ti capisco ma chi cambia qualche cosa
Qui sono io
E i miei amori uscivano dai cassetti
E dalle scatole di latta
Qualcuno in macchina, altri ancora solo in maglietta
E correvano via giù per quelle scale, via
Ognuno solo e a bordo della sua fotografia
Traslocando
Lucy ‘la sconveniente’ non mi aiutava
Davanti allo specchio si studiava
La curva delle anche, quelle cellele stanche
Quel suo appetito da uomo certo così strano
Non fosse stato in linea con le rughe
Della sua mano
E i ragazzi del trasloco avevano fatto in fretta
A stanare i miei amori dasi cassetti
E dalle scatole di latta
Qualcuno in macchina, altri ancora solo in maglietta
I miei amori via
giù per le scale, via
ognuno stretto ancora alla sua fotografia
Traslocando. 

 

Annunci

Una risposta a “Traslocando

  1. Vorrei traslocare nazione a volte, ma l’Italia è una nazione splendida e rimando la decisione…
    TRASLOCANDO è l’album di Loredana Berté che preferisco ma escludo una canzone, chiude l’abum e si chiama UNA scirtta da Renato Zero (che ho adorato fino al 1980) è davvero bruttina!
    Però lei era stupenda!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...