Lasciami entrare.

the-right-one-in-movie22

Quando si va al cinema con gli amici bisogna scendere a compromessi. Però mai avrei pensato che sarei addirittura finito a vedere Lasciami entrare, film vampiresco che ha avuto talmente tanto successo che stanno già preparando il remake.

Il film è ambientato in una tetra e squallida Stoccolma anni ’80 e racconta di un ragazzo di dodici anni colpito nella sua autostima dalle continue vessazioni dei compagni di classe che ha un gran bisogno di vendicarsi. Grazie alla vicina di casa coetanea e vampira troverà conforto e coraggio e nonostante gli omicidi che lei è costretta a compiere per vivere i due si innamoreranno.

Il film “de paura” a me non piace per definizione, non sono un esperto del genere e ho sempre trovato poco coinvolgenti i film basati su eventi fantastici. Lasciami entrare ha comunque dei meriti: la fotografia (Hoyte van Hoytema), le musiche (Johan Söderqvist) e il fatto che la violenza è spesso più immaginata che raccontata.
Il difetto sta, secondo me, alla base. Possibile che una storia sulla difficoltà dell’essere “diversi” debba passare per i vampiri? Passi il genere fantastico, ma non sarebbe stato meglio un pretesto più originale? Viene raccontata la diversità attraverso il solito cliché del vampiro e del ragazzo che ha problemi coi compagni di scuola.
L’apice viene raggiunto dai due buchi sul collo delle vittime nonostante la vampira non abbia i canini aguzzi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...