Archivi tag: film

Revolutionary Road.

Un bel film. Regia classica, la musica che si mescola bene, quella luce calda e distante che aiuta a immedesimarsi ma contestualizzando. Gli attori sono bravi, tutti, anche e forse soprattutto quelli secondari.
Aldilà dei meriti Revolutionary Road è un film che mi ha infastidito, in senso buono, e continua a tornarmi in mente. Il contrasto fra sogno e realtà, aspirazione e compromesso, giovinezza e maturità, sono tutti temi che a me come a molti lasciano parecchio da pensare. Parafrasando, la battuta che più mi ha colpito è quando la Winslet dice che la verità resta sempre lì, col tempo si diventa solo più bravi a mentire.

Lasciami entrare.

the-right-one-in-movie22

Quando si va al cinema con gli amici bisogna scendere a compromessi. Però mai avrei pensato che sarei addirittura finito a vedere Lasciami entrare, film vampiresco che ha avuto talmente tanto successo che stanno già preparando il remake.

Il film è ambientato in una tetra e squallida Stoccolma anni ’80 e racconta di un ragazzo di dodici anni colpito nella sua autostima dalle continue vessazioni dei compagni di classe che ha un gran bisogno di vendicarsi. Grazie alla vicina di casa coetanea e vampira troverà conforto e coraggio e nonostante gli omicidi che lei è costretta a compiere per vivere i due si innamoreranno.

Il film “de paura” a me non piace per definizione, non sono un esperto del genere e ho sempre trovato poco coinvolgenti i film basati su eventi fantastici. Lasciami entrare ha comunque dei meriti: la fotografia (Hoyte van Hoytema), le musiche (Johan Söderqvist) e il fatto che la violenza è spesso più immaginata che raccontata.
Il difetto sta, secondo me, alla base. Possibile che una storia sulla difficoltà dell’essere “diversi” debba passare per i vampiri? Passi il genere fantastico, ma non sarebbe stato meglio un pretesto più originale? Viene raccontata la diversità attraverso il solito cliché del vampiro e del ragazzo che ha problemi coi compagni di scuola.
L’apice viene raggiunto dai due buchi sul collo delle vittime nonostante la vampira non abbia i canini aguzzi.

Golden Globes/ La notte di Kate Winslet.

5

Ne ha vinti due. Miglior attrice (Revolutionary Road) e miglio attrice non protagonista (The Reader). Kate Winslet la scorsa notte è stata la regina di Hollywood.
Abito Yves St Laurent, gioielli Chopard.

Mamma Mia!

Mamma mia che fatica restare seduti! Io avevo una gran voglia di cantare e ballare. è da questa mattina che non riesco a scacciare dalla mente il desiderio di possedere un paio di zatteroni. Se non ascolto subito qualche brano spacca palle (uno a caso, qualcosa di Masini) stasera mi trovate dal Califfo, noto negozio romano di scarpe per transessuali (via Merulana, verso Termini). Sai che figurone fermandomi al semaforo col motorino, il piede zatterato che spunta dal pantalone nero. E se qualcuno mi guarda dirò semplicemente “ciao, io sono Fernendo”. E Dancing Queen a tutti.

Verità: Meryl Streep può fare qualsiasi cosa.